Logo geo.env
Chi siamo - Contatti - Prodotti e Marchi - Condizioni di vendita - Referenze - Home
- Ambiente
- Cartografia e Topografia
- Edilizia
- Escursionismo
- Geologia
- Geotecnica
- Idrogeologia
- Misurazioni forestali
- Sicurezza
- Software
- Geologia e Turismo
- Yellow Web Pages
- Web Resources
- Convegni e Corsi
- Lezioni di Geologia
- Pubblicità su Geo.Env
 
bottone

USA National Parks
La Devils Tower
Il Meteor Crater
Gli animali dei parchi
Il Tombstone Park
Banff National Park
Icefield Parkway
Jasper National Park
Monument Valley
The Chimney Rock

Monument Geologia e turismo -> USA e Canada -> USA N.P. -> Wind Cave
barra blu

THE WIND CAVE NATIONAL PARK

SUD DAKOTA Istituito il 9 gennaio 1903 Superficie 28.295 acri - 11.318 ha

     "...we made our way down the stairway against the very strong wind and then began our descent proper, into the wonderful, indescribably wonderful cave - down, down into the very 'bowels of the earth". un esploratore di Wind cave, 1890

Il parco occupa una vasta zona tra le praterie delle Grandi Pianure dell'ovest e le foreste di pini delle Black Hills. La fauna qui presente è tra le più variegate contemplando specie originarie di varie zone geografiche: i falconi e le allodole delle praterie coesistono con i tacchini delle foreste. Molti sono i bisonti: sono i famosi American Buffalos protagonisti di "Balla coi lupi", il film di Kevin Kostner qui ambientato.
Altrettanto numerosi sono i cani della prateria (il 75% del parco è occupato da questo ambiente). Nelle foreste che si estendono nella restante parte del parco vivono i cervi.
Ma chi viene al Wind Cave Park generalmente visita solo la parte non visibile: infatti sotto il suolo si snodano ben 224 chilometri di passaggi e corridoi che fanno di Wind Cave una delle grotte più estese al mondo.
A causa del clima asciutto poche sono le stalattiti e le stalagmiti, tipiche di altre grotte. Sono presenti però e in gran numero, altri tipi di formazioni di minerali: le "boxworks", una formazione di calcite che per le sue forme irregolari ricorda le strutture a nido d'ape.
Dalle parole dell'esploratore qui sopra riportate si evince la caratteristica principale della grotta e che ne ha consentito la scoperta: una forte corrente d'aria che dal sottosuolo si sprigionava attraverso fessure e crepacci nel terreno. Tale corrente soffia ora fuori ora dentro per equilibrare la pressione dell'aria tra l'interno e l'atmosfera esterna. Il primo ad esplorare la grotta, fu Alwin Mcdonald, appena diciottenne, nel 1890 e anni seguenti.



Esempio di boxwork


Da sinistra: Flowstone e stalattiti - Frostwork - Popcorn e elictiti - Helictite bush

INFORMAZIONI UTILI:

Come arrivare:
Da Rapid City prendere la S. Dak. 79 verso sud fino a Hot Springs quindi girare a nord sulla US 385 e proseguire sino all'entrata Sud del Parco.
Per chi viene da ovest prendere la US 16 in direzione sud.
Il Parco è aperto tutto l'anno tuttavia è meglio evitare la bassa stagione (da sett. a maggio) periodo durante il quale sono previste pochi giri guidati nelle grotte.
1996-2022© https://www.geoenv.it - P.IVA 02212841205 - Camera di Commercio di Bologna