Logo geo.env
Chi siamo - Contatti - Prodotti e Marchi - Condizioni di vendita - Referenze - Home
- Ambiente
- Cartografia e Topografia
- Edilizia
- Escursionismo
- Geologia
- Geotecnica
- Idrogeologia
- Misurazioni forestali
- Sicurezza
- Software
- Geologia e Turismo
- Yellow Web Pages
- Web Resources
- Convegni e Corsi
- Lezioni di Geologia
- Pubblicità su Geo.Env
 
bottone

USA National Parks
La Devils Tower
Il Meteor Crater
Gli animali dei parchi
Il Tombstone Park
Banff National Park
Icefield Parkway
Jasper National Park
Monument Valley
The Chimney Rock

Monument Geologia e turismo -> USA e Canada -> USA N.P. -> White Sand
barra blu

PARCO NAZIONALE DELLE SABBIE BIANCHE WHITE SANDS NATIONAL PARK





Foto di Carlo Ansaloni 2005

NEW MEXICO Acri 144.420- 57.768 ettari circa

Le bianche dune di gesso di questo parco ricoprono una superficie di circa 700 Km2. La zona protetta occupa una piccola porzione del Tularosa Basin, una vasta depressione chiusa a ovest dalla catena delle San Andreas Mountains e ad est dalla catena dei Monti Sacramento. Il parco si trova in Nuovo Messico a pochi chilometri da Alamogordo. Il comune minerale di gesso è solfato di calcio idrato e si presenta raramente in clasti delle dimensioni delle sabbie in quanto facilmente solubile in acqua. Normalmente il gesso viene dissoltoda piogge e nevi e trasportato dai corsi d'acqua verso il mare. Essendo il bacino di Tularosa racchiuso tra le sopracitate catene montuose e privo di fiumi che lo drenino, il gesso, assieme a tutti gli altri sedimenti, rimane intrappolato qui.
Circa 250 milioni di anni fa si formarono questi depositi sul fondale di un antico mare che ricopriva tutta l'area. Cristallizzatosi in tempi successivi, questi depositi marini gessosi vennero sollevati fino a formare un domo circa 70 milioni di anni fa, nella stessa epoca di formazione delle Montagne Rocciose. A partire da 10 milioni di anni fa il centro del domo iniziò a collassare fino a creare l'attuale Bacino di Tularosa. Gli strati gessosi rimasti allo scoperto cominciarono ad essere erosi dai forti venti; le particelle così spostate andarono gradualmente a formare le dune che ancora oggi si possono ammirare.
In questo caso la mancanza di acqua, se da un lato ha reso difficile la vita animale e vegetale, senza tuttavia averla inibita del tutto, dall'altro ha reso possibile la creazione di un ambinte altamente suggestivo e unico nel suo genere.

A seconda della posizione rispetto alla direzione dei venti e della quantità di sabbia, le dune assumono caratteristiche differenti: iniziando dal bacino di formazione la prima fascia che si incontra è costituita da dune a domo, di forma leggermente conica; successivamente si incontrano dune a barcana,più profilate delle precedenti ma con limitate quantità di sabbia; queste, in aree con maggiori quantitativi di sabbia si accumulano fra di loro dando origine a dune trasversali. Infine, ai limiti opposti dei campi sabbiosi, si trovano le dune paraboliche in cui si nota la presenza di arbusti e piante ancorate su di esse.

Tipi di dune

Di notevole effetto la visione delle dune al tramonto quando la luce del sole cade obliquamente sui rilievi accentuandone le forme e creando un suggestivo gioco di luci e di ombre. Anche dopo il tramonto tutta la zona è pervasa da un chiarore diffuso quasi fosse fosforescente.

INFORMAZIONI UTILI

Come arrivare:
Il White sands National Monument si trova lungo la US70 a circa 25 Km da Alamogordo per chi proviene da est e a circa 87 Km da Las Cruces per chi proviene da ovest.
Vi è un solo ingresso lungo la sopracitata strada dove si trova il Visitor center, l'unico punto dove è possibile rifornirsi di acqua. Da qui una strada asfaltata (sterrata nell'ultimo tratto) si addentra per circa 13Km nel cuore delle dune.
Cosa fare:
Alcuni brevi sentieri si dipartono dalla strada per una conoscenza più ravvicinata dell'ambiente. Degno di nota è l'Alcali Flat Trail, un percorso di circa 7 km che attraversa trasversalmente la marea gessosa sino al limite del bacino di formazione delle dune stesse.
Cosa sapere
Il parco rimane aperto sino ad un'ora dopo il tramonto (in estate: 22,00). Non è permesso pernottare all'interno.
Data la forte insolazione e l'impossibilità di rifornimento, si suggerisce la massima prudenza nelle escursioni e di portarsi abbondanti quantità di acqua.

Nota:
Il parco è a sua volta compreso nel più vasto territorio del White Sands Missile Range, un poligono militare missilistico attivo sin dalla fine della seconda guerra mondiale per lo sviluppo e i test di armi e tecnologia spaziale.
Nella parte settentrionale di esso, presso il Trinity Site, il 16 luglio 1945 venne fatta esplodere la prima bomba atomica della storia, fase finale del progetto Manhattan.
1996-2022© https://www.geoenv.it - P.IVA 02212841205 - Camera di Commercio di Bologna